Universo Cucina Ricette Logo  RSS Universo Cucina Ricette
  Sitemap        Ricette        Visita la Galleria Fotografica        Raggiungici in Chat        Unisciti al Forum
 
Menů Utente
  Homepage

Cerca

Contatti

Proponi Articolo o Ricetta

Registrati!

Segnalaci ad un Amico

Siti Amici

Top di UniversoCucina

 
 
 
 
 
Contenuti del Sito
   Antiche Ricette

 Antipasti

 Biscotti

 Bricolage

 Conserve

 Contorni

 Dolci

 Dolci al Cucchiaio

 Eventi

 Gelati e Sorbetti

 Idee

 Incontri a Tema

 Iniziative Benefiche

 Intolleranze Ricette

 Menů Completi

 Mostre e Fiere

 Pane, Pizze, Focacce

 Piatti Unici

 Primi Piatti

 Rubrica Intolleranze

 Rustici

 Sagre e Feste

 Secondi Piatti

 Storie

 Sughi, Salse, Paté

 Torte Salate

 Viaggi e Vacanze

 Zuppe e Minestre

 
 
 
 
 
 
Cucina Condividi
Primi Piatti :

Troccoli allo Scoglio



Oggi dovevo "inaugurare" il mio ultimo acquisto, il troccolaturo, matterello per i troccoli, comprato a Bari vecchia vicino alla chiesa di San Nicola.

Ho anche usato, per portare in tavola, il "coccio" per la tiella comprato nella stessa occasione, insomma un tuffo di campanilismo!



Queste dosi per 2 persone di buon appetito

Per i troccoli

- 125 g semola di grano duro
- 75 g farina 00
- acqua tiepida occorrente per una pasta piuttosto consistente.

Per il sugo

- un misto di cozze, vongole, seppioline, gamberi ed un filetto di cernia a tocchetti (circa mezzo kg in tutto)
- uno scalogno
- un pomodoro scottato, pelato e ridotto in dadolata
- olio extravergine di oliva
- una generosa manciata di prezzemolo
- mezzo bicchiere di vino bianco

Si impastano le farine con l'acqua tiepida e si stende una sfoglia non troppo sottile, la si taglia a strisce e si ricavano i troccoli passando l'apposito matterello ed esercitando una discreta pressione, poi si finisce di staccare i troccoli con le mani, se necessario.

Si lascia asciugare la pasta per qualche ora.
Si fanno aprire in padella le cozze e le vongole e si tiene il liquido da parte.

Si eliminano i gusci, lasciandone solo qualcuno per decorazione (io quelli di cozza li ho tolti tutti temendo di graffiare la padella).

In una padella si fa appassire lo scalogno affettato con olio evo, si versa il pesce, pulito e risciacquato, dopo un paio di minuti lo si sfuma con il vino, si sala poco e si continua la cottura aggiungendo la dadolata di pomodoro.

Si lessa la pasta in acqua bollente salata tenendola piuttosto al dente, si scola e si passa nella padella del condimento aggiungendo il liquido dei molluschi tenuto da parte ed una manciata di prezzemolo tritato terminando cosě la cottura.

Si completa con un giro di olio extravergine di oliva al peperoncino.

Fare la fontana con la farina impastare con l'acqua

Tirare la sfoglia

Suddividere la sfoglia

Tagliare la pasta con l'apposito matterello rigato

Preparazione del condimento

Il sugo di pesce

Condire la pasta

Servire



Testo ed Immagini di Ofelia Allegretta


Condividi
 
 
Pubblicato Martedě, 07 ottobre @ 18:28:47 CEST da salvo
 
Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
 
 
 

 
 
 



 
Licenza Creative Commons

Quest'opera e' distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.