Universo Cucina Ricette Logo  RSS Universo Cucina Ricette
  Sitemap        Ricette        Visita la Galleria Fotografica        Raggiungici in Chat        Unisciti al Forum
 
Men¨ Utente
  Homepage

Cerca

Contatti

Proponi Articolo o Ricetta

Registrati!

Segnalaci ad un Amico

Siti Amici

Top di UniversoCucina

 
 
 
 
 
Contenuti del Sito
   Antiche Ricette

 Antipasti

 Biscotti

 Bricolage

 Conserve

 Contorni

 Dolci

 Dolci al Cucchiaio

 Eventi

 Gelati e Sorbetti

 Idee

 Incontri a Tema

 Iniziative Benefiche

 Intolleranze Ricette

 Men¨ Completi

 Mostre e Fiere

 Pane, Pizze, Focacce

 Piatti Unici

 Primi Piatti

 Rubrica Intolleranze

 Rustici

 Sagre e Feste

 Secondi Piatti

 Storie

 Sughi, Salse, PatÚ

 Torte Salate

 Viaggi e Vacanze

 Zuppe e Minestre

 
 
 
 
 
 
Cucina Condividi
Pane, Pizze, Focacce :

Tigelle una ricetta fra le tante



E' una tipica specialitÓ ormai conosciuta al di fuori dei confini provinciali del modenese, Ŕ la crescentina, una pasta lievitata, che non va nŔ fritta nŔ al forno, ma messa in mezzo alle tigelle, delle formelle o tegoline di terracotta e cotte al calore del fuoco.
Le sagre nel modenese e dintorni, soprattutto nell'Appennino, la celebrano con assiduitÓ!
E' un cibo povero, un tempo solo farina e acqua, non conteneva lievitanti, era insomma il cibo universale che incontriamo a tutte le latitudini


Questa Ŕ una personale interpretazione, ma con risultato soddisfacente.


- 500 gr. di farina 00 (spadoni antigrumo)
- 50 gr. burro
- 200 ml latte tiepido + 100 ml acqua tiepida
- 1 bustina di lievito di birra liofilizzato
- 1 cucchiaino di sale

Ho messo in una tazza il lievito, un mezzo cucchiaino di zucchero e 100 ml acqua tiepida.

A bagnomaria ho sciolto leggermente il burro, che ho versato in una terrina larga, ho aggiunto il latte e ho mescolato bene, ho versato la farina e nel cratere ho versato anche la poltiglia schiumosa del lievito, ho mescolato con una forchetta, poi ho proseguito sul tagliere, lavorando energicamente per 10 minuti, per avere una massa morbida e liscia.

Rimesso l'impasto nella terrina infarinata, fatto un taglio a croce, coperto con due teli di canapa, e vicino al termo per circa due ore..

mezz'ora prima della cottura ho strappato dei mucchietti di pasta e fatto tre file di palline da sette, quindi 21 palline; ho coperto con un telo doppio e lasciato lievitare di nuovo.

Ho scaldato circa tre minuti per parte la tigelliera da sette formine, ho inserito sette palline, che nel frattempo si erano gonfiate, ho richiuso e cotto per circa due minuti per parte.

Il calore le espande per tutta l'ampiezza dell'incavo della tigelliera, gonfiandosi , ad occupare tutto lo spazio.

Controllare che la temperatura sia media, che non si bruciacchino, che siano cotte, ma morbide dentro.

Vanno messe in un cesto di vimini rivestito di un canovaccio, e coperte.
Si mangiano calde, tagliandole a metÓ di taverso e farcendole con salume o con il pesto modenese, di lardo macinato e condito con aglio e rosmarino, spruzzate di parmigiano reggiano grattugiato.

Il lambrusco Ŕ il vino molto indicato...

Impasto

La tigelliera

I panetti disposti sulla tigelliera

Pronte da servire


testo e immagini: ivana setti



Condividi
 
 
Pubblicato Mercoledý, 24 gennaio @ 16:09:00 CET da susanna
 
Opzioni
 
 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
 
 
 

 
 
 



 
Licenza Creative Commons

Quest'opera e' distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.